Sito divulgativo a cura dello Studio di Consulenza Brevetti e Marchi Giambrocono & C. S.p.A.

Il Marchio nel diritto e nella letteratura economica:


Fino al 1992 il marchio era considerato un "valore di avviamento" indissolubilmente legato con l'azienda. Era addirittura impedita la cessione autonoma dello stesso senza la contemporanea cessione dell'azienda o di un ramo di essa. Con la riforma della legge marchi del 1992 e successivamente con gli accordi Gatt Trips del 1996 e infine con il Codice della Proprietà Industriale del 2005, il marchio ha assunto piena autonomia rispetto all'azienda ed è stato consacrato come un bene immateriale a sé stante, individuabile, isolabile dal contesto aziendale e liberamente cedibile, licenziabile a terzi, pignorabile od anche fungibile di garanzia a fronte di un prestito bancario o personale.

Nel grafico di cui sopra, i "beni immateriali" dotati di autonomia iniziano dal secondo insieme. Nel centro del framework, sotto forma di solido cubo, troviamo marchi e brevetti e design.

Questi fanno parte del patrimonio intellettuale dell'azienda, sono beni immateriali autonomi e cedibili, danno luogo a diritti esclusivi, e sono anche provvisti di un "titolo" (certificato di brevetto o attestato di registrazione). Tutti requisiti necessari per poter essere oggetto di valutazione economico-monetaria.

Di trasferimenti di marchi oggi se ne eseguono a migliaia ogni anno e sono assai comuni per le imprese di tutte le dimensioni. Nonostante ciò, non esiste un vero mercato di riferimento, i valori di scambio non sono facilmente conoscibili e non vi è una raccolta ordinata dei valori di trasferimento. Questo sebbene all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi siano depositate migliaia e migliaia di atti di cessione di marchi. Lo stesso negli altri Uffici Centrali degli altri Stati.

Il valore di scambio del marchio viene generalmente individuato dalle parti contraenti senza una consolidata procedura oppure vengono eseguite perizie ad hoc da consulenti specializzati. In particolare dai consulenti in Proprietà industriale (conosciuti anche come UFFICI BREVETTI o UFFICI MARCHI). Si tratta di specialisti organizzati in un Ordine professionale riconosciuto e regolato per legge.

Una richiesta di informazioni, preventivi e del materiale necessario per eseguire una perizia (o meglio per ottenere un parere valutativo su un marchio) può essere ottenuta tramite la Giambrocono & C. Spa (consulenti in Proprietà Industriale operanti dal 1921 e specializzati in valutazioni) cliccando sul seguente link: www.giambrocono.com.

Continua